Palazzo Platamone

Come molti altri palazzi e chiese di Catania anche il Palazzo Platamone subì i danni del terremoto del 1693; prima dell’evento catastrofico, sorgevano al suo posto l’ex monastero di San Placido e il precedente palazzo Platamone (donato dalla famiglia Platamone alle Benedettine nel XV secolo). Oggi il  lato corto dell’edificio racchiude la facciata della stupenda chiesa di San Placido, uno dei gioielli della Catania barocca. Il palazzo, unicamente insieme a quello dei Biscari, ebbe la concessione di aprire nelle mura della città  un passaggio che conduceva direttamente al porto. Ciò che oggi rimane del periodo tardo-medievale è il loggiato sovrastato da un piccolo balcone che si affaccia sullo splendido cortile; quest’ultimo ha una pianta rettangolare al cui centro è visibile lo stemma della famiglia Platamone, un monte con sopra tre conchiglie e un giglio in cima. 

Oggi la struttura è sede di innumerevoli rappresentazioni culturali, mostre e concerti; per questo è stato rinominato “Palazzo della Cultura”.

Scopri Catania

Siti di interesse architettonico

Siti di interesse naturalistico

Esperienze da vivere